Prima di programmare l’intervento, il chirurgo estetico valuterà il vostro stato di salute, assicurandosi che siate esaurientemente informate e che nutriate aspettative realistiche in merito al risultato, ai rischi e al periodo post operatorio.

Per il chirurgo è importante capire i vostri desideri riguardo alla misura del seno. Prima dell’operazione il medico prenderà le misure del vostro seno. Il chirurgo stabilirà inoltre il punto in cui posizionare la protesi: parzialmente o completamente sotto il muscolo grande pettorale (mastoplastica additiva sottomuscolare) oppure sopra il muscolo e sotto le ghiandole (mastoplastica additiva sottoghiandolare).

Sono possibili 3 siti di localizzazione dell’incisione per l’inserimento della protesi negli interventi di mastoplastica additiva:

  1. Mastoplastica additiva con incisione inframammaria.
    Un’incisione viene praticata lungo la piega cutanea sotto il seno .Questa incisioneè il metodo più ampiamente usato.
  2. Mastoplastica additiva con incisione periareolare.
    Prevede un’incisione situata lungo il bordo dell’areola,di fianco al capezzolo.
    (http://www.pallaoro.com/mastoplastica-additiva/incisione-periareolare.htm)
  3. Mastoplastica additiva con incisione transascelare.
    L’incisione viene fatta nel cavo ascellare.

Dopo la chirurgia estetica del seno

E molto semplice avere cura del seno nei primi giorni dopo la mastoplastica additiva. Vi verranno fatte tutte le raccomandazioni per lavarvi o fare il bagno per un certo periodo di tempo. Potreste ancora portare un bendaggio di sostegno che dopo qualche giorno potrà essere sostituito da un reggiseno di sostegno. Una volta che i punti di sutura saranno stati rimossi, il chirurgo potrà insegnarvi a massaggiare delicatamente la cicatrice e il seno.

Queste sono solo indicazioni di carattere generale. Ogni donna e diversa dall’altra e per tanto e importante che seguiate attentamente le istruzioni specifiche che Vi verrano impartite e consultiate il chirurgo per il follow-up medico.

Qualora forse programmato un esame clinico o un intervento chirurgico al seno dovreste informare il medico o il infermiere della presenza di protesi. Vi raccomandiamo di richiedere la cartella clinica del Vostro intervento di mastoplastica additiva al fine di facilitare le cure mediche di ermegenza.

Mastoplastica additiva – Controllo delle protesi

Tutte le donne che hanno protesi mammarie devono eseguire l’autoesame del seno. Se riscontrate difficoltà nell’eseguire l’autopalpazione con le protesi mammarie, Vi raccomandiamo di parlare con il vostro chirurgo che potrà aiutarvi. Potreste infatti trovare difficoltoso sentire il tessuto mammario a causa della sede in cui e posizionata la protesi, in particolare,se la capsula che circonda la protesi è contratta.

Il vostro medico potrà consigliarvi una mammografia e/o un’ecografia di controllo, anche se non sempre e necessario. Se avvertite sintomi mammari insoliti,è necessario che contattiate immediatamente il vostro medico.

Dovresti informare subito il medico anche se notate:

  • una massa,
  • una retrazione  o pieghe della cute del seno o del capezzolo,
  • secrezione del capezzolo,
  • cambiamento della posizione o della forma della protesi

RivolgeteVi al medico anche se avete  avuto recentemente una lesione al seno, in particolare, in caso di trauma o compressione causati, ad esempio, da massaggio estremo del seno, alcune attività sportive o dall’ uso delle cinture  di sicurezza. Se la protesi e stata danneggiata, può essere necessario rimuoverla.

Lo sai che la chirurgia estetica…

La nuova chirurgia estetica dei capelli contrasta efficacemente la perdita dei capelli ed ancora di più la perdita dell'autostima